Citrullina: aminoacido che combatte la disfunzione erettile

Tutti noi siamo consapevoli del valore che ha l’alimentazione per la nostra salute. Infatti, la razione alimentare ben selezionata è in grado di diventare un vero “scudo di ferro” contro vari fattori, compresi quelli che possano danneggiare significativamente la potenza maschile.

La citrullina è un aminoacido ben conosciuto tra i medici e gli specialisti che passano le giornate in laboratorio. Quindi, tra pochi ma non tra tutti. Le proprietà benefiche di tale aminoacido permette ai rappresentanti del sesso forte di migliorare notevolmente la funzione erettile. Dove si trova e grazie e come si può ottenere tale effetto positivo – il nostro articolo vi racconterà tutta l’informazione necessaria.

L’effetto positivo della citrullina

La citrullina è un aminoacido tutto naturale che promuove l’effetto positivo sulla potenza maschile, rilassando significativamente i vasi sanguigni. Il risultato promosso, quindi, è simile a quello dovuto al Viagra e agli altri medicinali contro la disfunzione erettile. Il meccanismo della sua azione è il seguente: la citrullina entrata nell’organismo maschile grazie ad alcuni fermenti interni si trasforma nell’arginina. In seguito una parte dell’arginina diventa l’ossido nitrico che conseguentemente dilata i vasi sanguigni, compresi quelli dell’organo genitale maschile. Il resto dell’arginina stimola la sintesi di testosterone, l’ormone maschile principale. In risultato, il livello dell’androgeno fondamentale si aumenta e la funzione erettile si migliora.

Tenete in considerazione il fatto che il testosterone è l’ormone che determina la capacità di fare l’amore ai rappresentanti del sesso forte. A condizione della sua mancanza, l’uomo risulta incapace di provare l’erezione solida e abbastanza durevole a diventare soddisfatto con la propria vita intima.

Inoltre, l’arginina dovuta alla presenza della citrullina nell’organismo maschile stimola la spermatogenesi. Successivamente le cellule germinali maschili passano il processo di maturazione in modo più veloce, dallo spermatogonio allo spermatozoo. Quindi, l’assunzione regolare della citrullina rende il rappresentante del sesso forte continuamente pronto a proseguire con le performance amorose e organizzare anche le cosiddette maratone d’amore. Tale aminoacido aiuta perfettamente a combattere la sterilità maschile.

Perché bisogna assumere regolarmente la citrullina?

  • tale aminoacido stimola considerevolmente la potenza maschile
  • la citrullina aumenta la libido sia maschile che femminile
  • questa sostanza è in grado di abbassare l’alta pressione sanguigna
  • promuove la spermatogenesi
  • dà l’effetto stimolante sia alle donne che agli uomini.

La citrullina migliora la salute in generale

Prendendo in considerazione il miglioramento notevole della potenza maschile grazie alla citrullina, vale ad aggiungere qualche parola sull’effetto positivo di tale aminoacido benefico sulla salute umana in generale. A condizione di assumerlo in modo regolare si verificano:

  • il miglioramento della circolazione sanguigna periferica nei tessuti dell’organismo e di quella generale
  • la normalizzazione del processo metabolico; a condizione dello sviluppo della sindrome metabolica, il problema si risolve gradualmente
  • la stimolazione delle funzioni protettive dell’organismo che affrontano varie malattie da raffreddore, quelle infiammatorie e dovute ai gravi virus
  • la produzione dell’arginina naturale nell’organismo, un altro aminoacido benefico che aiuta ad aumentare la massa muscolare; in seguito i muscoli diventano pieni di elementi nutrienti, sangue ricco di molecole di ossigeno, di ormoni necessari per la loro crescita normale
  • il mantenimento del sistema immunitario a livello normale
  • la riduzione del volume di acido lattico e di ammoniaca, soprattutto dopo l’allenamento intensivo
  • il mantenimento del bilancio dell’azoto nell’organismo umano.

Le fonti naturali di citrullina

A seconda dei nutrizionisti l’alimento più ricco di citrullina è l’anguria. Inoltre l’anguria, tale aminoacido benefico si trova a livello necessario nel pesce, nei latticini, nelle uova, nella carne, nei legumi, nelle arachidi, nella cipolla e nell’aglio.
Alcuni alimenti sopraindicati hanno bisogno di presentazione più dettagliata.
I fagioli, per esempio, sono una fonte vegetale indispensabile di citrullina. Inoltre, tale tipo di legumi contiene molti elementi salutari, compresi il ferro, il rame e l’acido folico.

I cetrioli. Questi ortaggi a loro turno anche hanno molta citrullina nella propria composizione.

L’anguria. L’anguria è il frutto più ricco di tale aminoacido, soprattutto la sua buccia. A seconda degli specialisti americani, che hanno svolto recentemente lo studio approfondito su tale frutto, l’estratto di anguria ha dimostrato il risultato positivo tra i pazienti che avevano l’ipertensione borderline. Questi volontari ricevevano 2,7 g di L-citrullina e 1,3 g di L-arginina al giorno nel corso di 6 mesi. Dopo tale periodo hanno verificato l’abbassamento stabile dell’alta pressione sanguigna e la guarigione di questo malanno. Vale anche ad aggiungere che l’anguria non è soltanto ricca di citrullina. Questo frutto contiene contemporaneamente molti antiossidanti che sono in grado di stimolare considerevolmente il sistema immunitario indebolito.

Le arachidi. A secondo degli specialisti presso l’Università “Purdue” che si trova negli Stati Uniti le arachidi sono delle noci che anche rappresentano una fonte importante dell’aminoacido benefico. Inoltre, tale alimento permette di riempire il deficit dei grassi monoinsaturi benefici per il sistema cardiovascolare. In seguito si ottiene molti antiossidanti e fibre alimentari necessari per il funzionamento normale dell’intero organismo.

I germogli di soia. A differenza di molti altri alimenti dell’origine vegetale, i germogli di soia sono ricchissimi di aminoacidi benefici. Tale loro lato li fa molto e molto attraenti per coloro chi seguono la dieta vegetariana. In tale alimento c’è, innanzitutto, tanta citrullina, il ferro, il rame e gli aminoacidi grassi polinsaturi Omega-3. Il ferro a suo turno fa parte nella formazione dei corpi sanguigni, il rame è necessario per il processo metabolico normale, mentre gli aminoacidi grassi – per il funzionamento attivo del sistema nervoso centrale e di quello cardiovascolare.

Quindi, uomini hanno bisogno di citrullina o no?

Come abbiamo già capito tutti la citrullina è un aminoacido benefico sia per le donne che per gli uomini. Le proprietà benefiche principali di tale sostanza sono legate a un forte potenziale energetico, alla capacità di rafforzare significativamente il sistema immunitario e di eliminare delle accumulazioni tossiche nell’organismo.

Parlando dettagliatamente dell’effetto di citrullina sulla salute maschile, bisogna dire che tale aminoacido dovrebbe essere presente al livello sufficiente nell’organismo di ogni rappresentante del sesso forte. Tale sostanza è in grado di:

  • abbassare l’alta pressione sanguigna
  • dilatare notevolmente i vasi sanguigni
  • aumenta l’afflusso del sangue a tutti gli organi e soprattutto all’organo genitale maschile nel momento più importante.

I stessi specialisti che si rivolgono alla produzione dei farmaci contro la disfunzione erettile ritengono che la citrullina è un analogo perfetto dei medicinali come il Viagra, il Cialis e il Levitra. Ovviamente il rappresentante del sesso forte che vorrebbe migliorare la propria funzione erettile grazie alla citrullina dovrebbe mangiare qualche anguria o alcuni chili di cetrioli in una sola seduta. Praticamente sarebbe molto difficile farlo. Tuttavia, oggigiorno ci sono molti additivi alimentari a base di tale aminoacido benefico, l’assunzione regolare di cui permetterebbe di allontanare il rischio di avere dei problemi con la funzione erettile in futuro.

Inoltre, la citrullina sarebbe in grado di togliere le sensazioni dolenti ai muscoli, la stanchezza o la debolezza generale. Anche per questo motivo sarebbe bene non dimenticare di mangiare a volte arachidi, anguria, germogli di soia o, ad esempio, fagioli.

È sempre meglio prevenire dei problemi con la salute, compresi quelli con la potenza maschile, che cercare di combatterli dopo essere ormai insorti.